#19. Attack of the 50 foot Woman (1958)


A titanic beauty spreads a macabre wave of horror! A terrifying masterpiece of shock and chills!

Attack of the 50ft Woman

Attack of the 50. ft. Woman è un film del 1958 di Nathan Juran, autore di altri film del genere come “A 30 Milioni di Chilometri dalla Terra” (1957) e “Base Luna Chiama Terra” (1964). B-movie classico, realizzato con pochi mezzi, è una piccola chicca della Sci-Fi low budget degli anni ’50 e divenne celeberrimo in seguito sopratutto per il suo coloratissimo poster; è interpretato dalle due starlettes Yvette Vickers e Allison Hayes.

Anno: USA 1958

Regia: Nathan H. Juran (accreditato come Nathan Hertz)

Cast: Allison Hayes, William Hudson, Yvette Vickers, Roy Gordon, George Douglas, Ken Terrell.

Durata: 65 minuti

Trama

Telegiornali di mezzo mondo danno la notizia che si vede una palla infuocata che sfreccia in cielo. Nancy Archer mentre guida in mezzo al deserto vede la sfera che atterra e vede uscirne un gigante di dieci metri; spaventata inverte la marcia e torna al paese. Nel frattempo il compagno Harry la tradisce con gusto con la bionda Honey. Quando Nancy torna in città e racconta l’accaduto ovviamente nessuno le crede, anche per i suoi trascorsi da alcolista; il marito anziché supportarla, non le da il minimo credito e, anzi, chiama il Dottor Cushing per farla internare in manicomio come già accaduto in passato: in tal modo vuole cercare di farsi lasciare ed ereditare parte del patrimonio della ricchissima donna per poi rifarsi una vita con Honey.

Nancy riesce a convincere Harry ad andare a cercare nel deserto e lì trovano di nuovo la sfera e il gigante. Harry spaventato fugge e lascia la moglie da sola. Lo sceriffo indaga quindi sull’uomo credendolo un omicida ma, quando la donna viene ritrovata le accuse crollano.

Una notte, l’infermiera di casa Archer entra nella camera di lei per somministrarle dei tranquillanti ma la trova cresciuta a dismisura per l’esposizione alle radiazioni della sfera. I dottori cercano di sedarla ma una notte si risveglia e furente distrugge la città in cerca di Harry che, ovviamente, è in compagnia di Honey. Scoperchiato il tetto del bar, Nancy prende Harry e lo stritola nella mano finchè non viene essa stessa stesa da una scossa elettrica presa dai cavi dell’alta tensione.

Commento (appassionato)

“Attack of the 50 ft. Woman” ha tutte ma proprio tutte le caratteristiche del b-movie classico in salsa americana. I B-movie, nati per contrastare il calo di spettatori nelle sale, erano film spesso poco impegnati, con budget risicati di durata poco superiore ai 60 minuti che il pubblico poteva godersi gratuitamente dopo il film principale per il quale avevano pagato il biglietto. Qui ci troviamo di fronte ad un film fatto con circa 80mila dollari, con scenografie di cartapesta ed effetti speciali di livello davvero basso. Tuttavia ottenne un discreto successo nelle sale ed oggi è considerato un cult dei B-movies Sci-Fi degli anni d’oro.

Fu una scelta intelligente affidare le parti delle antagoniste alle bellissime Allison Hayes e Yvette Vickers, mora una e bionda l’altra, già interpreti di altri B-movies nel decennio. Le buone idee finiscono però qui.

Il bello della storia è che termina come lo spettatore spera; lo str***issimo protagonista ama sbattersi in un pessimo bar e di fronte a tutti la bella Honey e fa pure il gradasso come fosse il re del paese solo perché compagno dell’esageratamente ricca Nancy che ok, è assolutamente appiccicosa e dedita più al whiskey che all’intelligenza, ma non è che sia proprio schifosa. Il grande numero di zeri del suo conto in banca lo si deduce dal fatto che tratta come se fosse la sorpresa del regalo dell’uovo di Pasqua della Lidl un ciondolo con un diamante purissimo da tre etti e mezzo. Quando lei scopre quello che in realtà ha sempre saputo, ovvero che il suo uomo la cornifica alla luce del sole, si incavola parecchio e sfrutta la sua nuova condizione di gigantessa di 15 metri per stritolarlo come un tubetto di dentifricio (inoltre lui avrebbe tranquillamente potuto salvarsi dicendole “Ti amo” invece di avere occhi solo per la biondina Honey). Il resto del film è un dialogo tra macchiette: lo sceriffo burbero, l’aiutante esaltato e sfigatello e incompetenti dottori che pensano di risolvere tutto operando la donna. Mi chiedo ancora come.

Ma cerchiamo di tornare sui binari di un minimo di serietà: il film non è certo stato concepito per essere un kolossal e neanche un film da oscar. È stato fatto, nel pieno spirito dei B-movies con pochi soldi solo per fare passare agli spettatori un’altra oretta di svago, senza assolutamente alcuna pretesa. In quest’ottica “Attack of the 50 ft, Woman” è un film guardabile, al quale si possono perdonare tutte le mancanze, non fosse solo per apprezzare un certo tipo di cinematografia tanto in voga in quegli anni durante i quali la fantascienza la faceva da padrona e la fervida immaginazione dei registi intrisi di di discorsi sullo spazio e sugli alieni inventavano di tutto per il godimento del pubblico.

Scena imperdibile

E’ indubbiamente la finale, quando la gigantesca Nancy sventra la città fino a trovare Harry; le sue manone di cartapesta (veramente inguardabili) e la sua silhouette che appare in trasparenza sullo sfondo sono un esempio di come NON si realizzano gli effetti speciali. Ottima anche la line finale

She finally got Harry all to itself

Citazioni

I don’t know. Whatever it is, it wasn’t made by some Japanese gardener.

Meat hooks, four lengths of chain, forty gallons of plasma, and an elephant syringe.

You’re not going to use that on her, are you? What do you want me to do, put salt on her tail?

In definitiva

I veri cultori dei B-Movies, ma dei B-Movies originali, quelli creati proprio per essere filmetti senza pretese e non quelli definiti B-Movies solo perché sono venuti male, ameranno questo film che non a caso è ormai diventato un classico del genere e un cult, così come famosissimo è diventato il poster del film. Ecco, magari non è un film che uno si mette a guardare apposta ma se lo si trova in TV (in quarta serata) o in una rassegna di vecchi film si guarda con piacere.

Valutazione

Regia 5
 Trama 4
Recitazione 4
Il giudizio di MoviesTavern (vale doppio!) 6
Voto complessivo 4.8
Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...